La chirurgia più sicura al mondo

Intervento di Cataratta

L’intervento di cataratta viene eseguito con una tecnica chirurgica mininvasiva chiamata FACOEMULSIFICAZIONE ad ULTRASUONI. Oggi è inoltre possibile l’utilizzo di un laser molto innovativo detto LASER a FEMTOSECONDI che consente di eseguire buona parte di tale procedura in assoluta sicurezza. Una sonda ad ultrasuoni chiamata appunto Facoemulsificatore aspira il nucleo opaco del cristallino senza danneggiare le strutture all’interno dell’occhio attraverso un’apertura di circa 2 mm. L’intervento è talmente poco invasivo che non è affatto necessaria sutura, riducendo al minimo il disagio per il paziente.

Leggi tutto

Prima dell’intervento

  • Non indossare creme, profumi o trucchi
  • Acquistare e applicare i colliri prescritti dall’oculista

Dopo l’intervento

  • Effettuare il controllo post-operatorio del giorno successivo
  • Nelle successive 12/24 ore sono possibili disturbi oculari come senso di corpo estraneo, bruciore, prurito e indolenzimento
  • Assumere, se necessario, un antidolorifico per via orale
  • A distanza di alcuni mesi può comparire la “Cataratta secondaria” che consta nell’opacizzazione del sacco capsulare che è la struttura nella quale viene introdotto il cristallino artificiale. Tale evento è da considerarsi pressoché nella norma e prevede la soluzione mediante un trattamento laser ambulatoriale “Capsulotomia yag laser”.
Intervento alla Cataratta - Situazione Iniziale
Intervento alla Cataratta - Taglio del Cristallino
Intervento alla Cataratta - Aspirazione del Cristallino
Intervento alla Cataratta - Inserimento del Cristallino artificiale
Intervento alla Cataratta - Situazione Finale
Patologie
Opacizzazione del cristallino

Cataratta

La cataratta insorge con l’avanzare dell’età e consiste nella graduale opacizzazione del cristallino. Il cristallino è la lente naturale dell’occhio che serve a mettere a fuoco le immagini sulla retina. Ha il compito di variare la distanza focale del sistema ottico per adattarlo alla distanza dell’oggetto da mettere a fuoco, tramite un processo chiamato Accomodazione. […]

LEGGI TUTTO
Gallery

autorizzo al trattamento dei miei dati personali*.

Altre soluzioni

Trattamento Argon Laser Fotocoagulativo

Specifico per il Distacco di Retina

L’argon laser è una specifica tipologia di laser il cui fascio luminoso, generato da un gas nobile l’argon, determina un processo fotocoagulativo negli strati retinici inducendo un effetto cicatriziale necessario per circoscrivere la lesione retinica identificata che potrebbe essere origine di un successivo distacco retinico. Le “cicatrici” prodotte creano una saldatura che rinforza la struttura retinica.

LEGGI TUTTO

PRK

Cheratectomia fotorefrattiva

La PRK prevede la rimozione dello strato più superficiale della cornea (epitelio), successivamente il laser esegue la modellatura della superficie corneale in base alla tipologia del difetto da correggere ed alla fine della procedura si applica una lente a contatto terapeutica che viene lasciata fino alla completa riepitelizzazione. Tale scolpitura (ablazione) avviene attraverso procedure customizzate […]

LEGGI TUTTO

Correzione tempiale (Occhiali) e Lenti corneali specifiche

Nei casi più lievi

Nelle forme più lievi ed iniziali della malattia può essere sufficiente l’uso della correzione con occhiali che solitamente viene a correggere il difetto astigmatico presente.

LEGGI TUTTO