Complicanza del diabete

Retinopatia Diabetica

Il diabete è una malattia molto diffusa nel mondo occidentale e la retinopatia diabetica ne rappresenta una grave complicanza essendo causa di ipovisione e cecità.
L’iperglicemia, infatti, danneggia i vasi sanguigni di tutto l’organismo, compresi i capillari della retina. Può colpire qualsiasi paziente affetto da diabete, indipendentemente dal tipo e dal momento del decorso della malattia ma in particolar modo in presenza di un diabete mal compensato. Il danno è rappresentato dallo sviluppo di alterazioni dei piccoli vasi sanguigni, che sfiancandosi determinano la trasudazione di liquido negli strati retinici inducendo un sensibile calo visivo. L’OCT è la tecnica di diagnosi di tali alterazioni che utilizza raggi a luce coerente permettendo l’analisi delle strutture retiniche senza mezzo di contrasto. È una delle soluzioni migliori in quanto poco invasiva e della durata di pochi secondi.

Leggi tutto

COME SI MANIFESTA
A volte la retinopatia diabetica porta a un calo lento e progressivo della vista, in altri casi rimane priva di sintomi soggettivi ma quando si manifesta induce un calo grave ed improvviso dell’acuità visiva. La retinopatia diabetica, di solito, colpisce entrambi gli occhi. Se non adeguatamente diagnosticata e curata, la sua progressione può determinare cecità.

COME SI CURA
La cura indicata può variare a seconda della gravità della retinopatia diabetica. Nei casi meno gravi basteranno dei medicinali per migliorare la resistenza delle pareti dei capillari, in quelli più gravi si procederà mediante Fotocoagulazione Laser, iniezioni di farmaci intravitreali Anti-VEGF e, nei casi gravissimi, con l’intervento chirurgico di vitrectomia.

Retinopatia Diabetica
Soluzioni
Buon compenso glico-metabolico

Trattamento Farmacologico

Nei casi meno gravi sarà sufficiente la somministrazione di farmaci per migliorare la resistenza delle pareti dei capillari.

LEGGI TUTTO
Specifico per il Distacco di Retina

Trattamento Argon Laser Fotocoagulativo

L’argon laser è una specifica tipologia di laser il cui fascio luminoso, generato da un gas nobile l’argon, determina un processo fotocoagulativo negli strati retinici inducendo un effetto cicatriziale necessario per circoscrivere la lesione retinica identificata che potrebbe essere origine di un successivo distacco retinico. Le “cicatrici” prodotte creano una saldatura che rinforza la struttura retinica.

LEGGI TUTTO
Soluzione non chirurgica di alcune patologie vitreo-retiniche

Iniezioni di Farmaci Intravitreali Anti-VEGF

L’iniezione di farmaci intravitreali Anti-VEGF consiste nell’introduzione di un determinato farmaco il cui principio attivo assorbito dalla retina inibisce la formazione di nuovi vasi sanguigni retinici anomali.

LEGGI TUTTO
Chirurgia del segmento posteriore dell'occhio

Intervento Chirurgico di Vitrectomia

L’intervento chirurgico di vitrectomia viene effettuato solo in casi estremamente gravi dato che può presentare complicanze ed un decorso post-operatorio complesso.

LEGGI TUTTO
Gallery

autorizzo al trattamento dei miei dati personali*.

Altre patologie

Distacco della Retina

Sollevamento retinico

La retina è quella struttura dell’occhio deputata a ricevere gli input luminosi e trasformarli in segnali nervosi che poi vengono trasmessi alle strutture cerebrali determinando lo stimolo visivo. Un sollevamento retinico, provocato da una rottura o un foro retinico, può portare al distacco del tessuto retinico stesso. Al cervello non arriva più un’immagine corretta con […]

LEGGI TUTTO

Difetti visivi

Chirurgia refrattiva

È la chirurgia che viene utilizzata per correggere i difetti visivi che producono una non corretta focalizzazione delle immagini sulla retina. Tali difetti sono la miopia, l’ipermetropia, l’astigmatismo e la presbiopia. Qualora la correzione mediante occhiali o lenti a contatto non venisse tollerata è consigliabile intervenire chirurgicamente eliminando totalmente l’utilizzo di tali ausili.

LEGGI TUTTO

Presbiopia

Attuali tecniche innovative per la soluzione chirurgica

Per definizione la presbiopia è la perdita della capacità dell’occhio umano nella messa a fuoco per vicino che solitamente esordisce verso i 40-45 anni di età, è determinata dall’invecchiamento e progredisce gradualmente con il passare del tempo. Per chi vede bene da lontano sarà sufficiente un occhiale addizionale da usare solo per vicino. Nelle condizioni […]

LEGGI TUTTO